Regolamento

REGOLAMENTO PER L’UTENZA

Anno Scolastico/Educativo 2020-2021

GENERALITA’

Le Scuole dell’Infanzia Mons. Girardi” di Camisano Vicentino, “San Gaetano” di Rampazzo e “Maria Immacolata” di Santa Maria sono giuridicamente costituite come Scuola Parrocchiale paritaria con nido integrato autorizzato e accreditato. L’Ente Gestore è pertanto:

Scuola dell’Infanzia Mons. Giuseppe Girardi            Parrocchia di San Nicolo’ – Camisano Vicentino

Scuola dell’Infanzia San Gaetano                               Parrocchia di San Gaetano – fraz. Rampazzo

Scuola dell’Infanzia “Maria Immacolata”                 Parrocchia di S – fraz. S. Maria

Sono gestite dal Comitato di Gestione costituito secondo quanto previsto dal Regolamento Istituzionale della Scuola stessa.

Ogni singola Scuola s’impegna a garantire ai bambini un’educazione armonica ed integrale della persona, secondo le Indicazioni Nazionali e della pedagogia cristiana, in stretta collaborazione con la famiglia a cui spetta il diritto-dovere primario dell’educazione dei figli. L’attività della Scuola si attua nel rispetto della Costituzione Italiana e degli orientamenti pedagogico-didattici previsti dalle leggi vigenti.

La Scuola dell’infanzia oltre alle finalità generali:

-Valorizzazione dell’identità di ogni bambino e bambina

-Sviluppo dell’autonomia

-Promozione di competenze e del senso di cittadinanza,

si pone come obiettivi generali:

  • Rispondere ai bisogni delle famiglie
  • Riconoscere il ruolo centrale del bambino
  • Avvalersi di personale qualificate
  • Garantire il rispetto dei principi universali di libertà, dignità, uguaglianza, giustizia, tolleranza e solidarietà, non ponendo alcuna discriminazione in merito a razza, etnia, sesso, religione, opinioni politiche, condizione socio-economica e psicofisica.

 

L’accoglimento dei bambini avviene senza alcuna distinzione secondo le norme vigenti, nei limiti della capacità ricettiva della struttura della Scuola dell’Infanzia e dell’Asilo Nido.

 

RAPPORTI SCUOLA-FAMIGLIA

La Scuola, consapevole del ruolo che è chiamata a svolgere, chiede il pieno appoggio e partecipazione dei genitori.

Pertanto, nel corso dell’anno, la Scuola organizza degli incontri con le Famiglie, allo scopo di promuovere la collaborazione tra insegnanti e genitori, in un clima di corresponsabilità, chiarezza della comunicazione e sostegno reciproco.

Lo scambio di informazioni tra Scuola e Famiglia avviene attraverso:

-assemblee dei genitori,

-assemblee di sezione,

-incontri di intersezione con i rappresentanti,

-colloqui individuali,

-gruppo WhatsApp (attraverso lista broadcast, vedi voce privacy),

– comunicazioni scritte e-mail.

La nostra Scuola attua una proficua collaborazione con il territorio: si avvale pertanto del contributo di esperienza e di professionalità di personale ausiliario e volontario e di esperti esterni; organizza incontri con altre scuole; favorisce scambi con associazioni e realtà territoriali.

 

MODALITA’ E CRITERI DI AMMISSIONE

SCUOLA DELL’INFANZIA

Sono ammessi a frequentare la scuola dell’infanzia tutti i bambini che hanno compiuto o compiono i tre anni nell’anno in corso fino all’esaurimento dei posti, e coloro che compiono i tre anni entro il 30 aprile dell’anno successivo (quest’ultimi compatibilmente con la disponibilità dei posti e dopo aver dato la precedenza ai nati entro il 31 Dicembre dell’anno in corso).

In caso di domande in eccesso rispetto alla disponibilità dei posti, vengono individuati dei criteri di valutazione che pongono in evidenza:

– i bambini di età idonea all’iscrizione,

– presenza di fratelli o sorelle, già iscritti alla scuola dell’infanzia, al nido o al servizio di doposcuola;

– la residenza nella frazione/comune dell’asilo, poi quelli del Comune di Camisano Vicentino (nel caso specifico delle scuole di S.Maria o Rampazzo), e infine in altri comuni.

– data di iscrizione.

NIDO INTEGRATO

Sono ammessi a frequentare l’asilo nido i bambini di età compresa tra i 12 e i 36 mesi (per i nidi integrati di Rampazzo e Santa Maria invece dai 3 ai 12 mesi).

 

ISCRIZIONI, RETTE DI FREQUENZA E RIDUZIONI

Si ribadisce che la Scuola non persegue, né realizza scopi di lucro.

 SCUOLA DELL’INFANZIA

Le iscrizioni devono essere presentate compilando l’apposito modulo da consegnare alla Direzione della Scuola (entro la data stabilita), insieme al versamento della quota d’iscrizione stabilita dal Comitato di Gestione, che servirà a coprire l’assicurazione e l’acquisto di materiale didattico.

La quota d’iscrizione va rinnovata ogni anno di frequenza entro la data comunicata dalla Direzione. Tale quota non verrà restituita in caso di ritiro del/la bambino/a.

Unitamente alla domanda di iscrizione, è obbligatorio allegare fotocopia del codice fiscale dei bambini e dei genitori (o di chi ne fa le veci), la fotocopia della carta d’identità dei genitori e di coloro che avranno la delega per il ritiro dei bambini all’uscita da scuola, la fotocopia dell’attestazione vaccinale e delle fototessere del bambino (per i bambini che non hanno cittadinanza italiana, anche copia del permesso di soggiorno).

I genitori dichiareranno, inoltre, di conoscere l’identità della Scuola, il Progetto Educativo e di impegnarsi a rispettarne il Regolamento.

La conferma d’iscrizione, preceduta dalla comunicazione della retta mensile dovuta, avviene tramite lettera scritta da parte della scuola.

In caso di ritiro in corso d’anno scolastico per diversi motivi (malattia, trasferimento…), il genitore è tenuto a comunicarlo in forma scritta alla Direzione della scuola entro il giorno 15 del mese antecedente il ritiro. La retta non dovrà essere più versata dal mese successivo alla comunicazione. In caso di ritiro del bambino ad iscrizione avvenuta e confermata (senza giustificati e comprovati motivi) dovrà comunque essere versata la quota del 60% per i mesi di mancata frequenza (da settembre fino a giugno compreso).

Il bambino che una volta iscritto, senza giustificato motivo, non frequenta per più di 60 giorni consecutivi, si considera ritirato.

Potranno essere accettate iscrizioni dei bambini, con inserimento posticipato rispetto alla data normale di inizio attività, compatibilmente con il numero di posti ancora disponibili (previa delibera del Collegio Docenti e approvazione del Comitato di Gestione).

NIDO INTEGRATO

Le domande d’iscrizione devono essere presentate su apposito modulo, corredato dalla documentazione necessaria per il calcolo della retta (modello730 oppure modello Unico oppure, in mancanza di questi, modello CU di entrambi i genitori), alla Direzione della scuola. La documentazione economica dovrà essere aggiornata al 1° Settembre. In mancanza di tale documentazione, verrà applicata la retta secondo lo scaglione più alto.

Le rette vengono determinate dal Comitato di Gestione, secondo le disposizioni della L.R. 32/1990, e precisamente secondo il reddito familiare complessivo lordo.

Si precisa che per reddito familiare complessivo si intende quello di entrambi i genitori che hanno riconosciuto il loro figlio, anche se non conviventi nella medesima abitazione. La mancata consegna dei documenti necessari per l’accertamento del reddito familiare, nei tempi indicati, comporterà l’applicazione della retta massima prevista. La retta determinata in base al reddito dell’anno precedente sarà valida per l’intero anno scolastico.

 

La retta, che concorre in parte alla copertura dei costi, è calcolata tenendo conto del bilancio di previsione, dalle entrate previste dallo Stato, Regione, Comune ed Enti preposti per cui, qualora nel corso dell’anno si verificassero variazioni, il Comitato di Gestione si vedrà costretto a rettificare detto importo dandone tempestiva comunicazione.

La retta è calcolata su base annua e ripartita in 10 rate mensili per la Scuola dell‘infanzia e in 11 rate per il Nido; pertanto va pagata sempre per intero, anche nel periodo di inserimento.

Per il sostentamento e il buon funzionamento della Scuola è pertanto necessario che ogni genitore si impegni a versare la quota stabilita con regolarità.

Le rette vengono versate a mezzo di bonifico bancario entro il giorno 10 del mese a cui si riferiscono.

I pagamenti effettuati oltre 30 giorni, secondo quanto stabilito dal Comitato di Gestione, potranno comportare la sospensione della frequenza del bambino dalla scuola.

In caso di difficoltà economiche familiari particolari, può essere presentata la situazione al Gruppo di Gestione che valuterà caso per caso.

Per eventuali informazioni specifiche sui costi si rimanda all’allegato.

 

INIZIO E FINE ATTIVITA’ 

La Scuola dell’infanzia svolge la sua attività per 10 mesi (da settembre a giugno), il nido per 11 mesi (da settembre a luglio).

Ogni anno, entro il mese di giugno, sarà comunicata ai genitori la data d’inizio e fine attività.

In merito alle festività, la Scuola si attiene al calendario scolastico regionale e alle disposizioni ministeriali in collaborazione con l’istituto comprensivo del territorio. Sarà comunque cura della Direzione comunicare con anticipo la precisa durata dei periodi di vacanza. La Scuola consegnerà ad ogni famiglia il calendario con tutti gli appuntamenti e le iniziative dell’anno scolastico ed educativo in corso nel primo periodo scolastico.

 

ORARIO

L’orario di attività della Scuola dell’infanzia e del Nido è dalle 8:00 alle 15:30 – 16:00, l’anticipo dalle 7:30 alle 8:00, l’orario prolungato è dalle 16:00 alle 18:00 (18:15 per la Scuola dell’Infanzia S. Gaetano di Rampazzo).

Si richiede rispetto e puntualità per motivi educativi, di sicurezza e per offrire ai bambini serenità, ordine e distensione e non creare disagi allo svolgimento delle attività.

Per un buon funzionamento della Scuola è quindi necessario attenersi ai seguenti orari:

ENTRATA                                   7:30 – 9:00

USCITA POMERIDIANA           15.30 – 16:00

ORARIO PROLUNGATO           16:00 – 18:00 (18:15 Rampazzo)

Per quanto riguarda l’uscita dopo pranzo, si osservano i seguenti orari:

 

NIDO INTEGRATO SCUOLA DELL’INFANZIA
CAMISANO 12.20-12.40 13.00
RAMPAZZO 12.45-13.00 12.45-13.00
SANTA MARIA 12.00-12.30 12.45-13.00

Per giustificare le assenze, si prega di telefonare alla Segreteria dalle ore 8:00 alle ore 9:00 o dove previsto tramite mail o messaggio whatsapp.

L’orario di ingresso dei bambini è dalle 7:30 alle 9:00. Oltre il suddetto orario non si accettano i bambini, se non per giustificati motivi. In questi casi e comunque dopo l’orario previsto, i bambini verranno accolti dal personale di servizio o di segreteria.

Per i ritardatari abitudinari, al terzo ritardo avvenuto nel corso dell’anno scolastico, il bambino sarà accolto previo colloquio con i genitori.

I genitori, al momento della consegna dei propri bambini alla Scuola dell‘infanzia e Nido, non possono intrattenere le educatrici/docenti oltre il minimo indispensabile, onde non compromettere il delicato compito di vigilanza delle stesse.

L’uscita occasionale fuori orario del bambino è ammessa in caso di necessità, con preavviso al mattino.

All’inizio dell’anno scolastico, per dare alla Scuola la possibilità di organizzare in modo adeguato l’orario del personale, viene consegnato a tutti i genitori un modulo di richiesta per eventuali necessità di orario prolungato. L’uscita posticipata occasionale dopo le 16.00 va richiesta con anticipo (per le tariffe si rimanda all’allegato).

 

AMBIENTAMENTO AL NIDO

L’ambientamento al Nido avviene nei primi giorni del mese. I genitori devono essere comunque consapevoli che i tempi di ambientamento cambiano da bambino a bambino; il periodo è indicativo e le educatrici si riservano di valutare le impellenti necessità lavorative dei genitori, ma anche il benessere del bambino. Per il calendario e le regole dell’ambientamento si rinvia al documento che viene consegnato ai genitori prima dell’inizio della frequenza.

 

ABBIGLIAMENTO DEL BAMBINO

Alla scuola dell’infanzia è richiesto l’utilizzo del grembiule bianco o colorato, indossato sopra la tuta da ginnastica, scarpe con strappi e calzini antiscivolo, dove previsto, per l’attività motoria nei giorni stabiliti.

Nei giorni di normale attività si consiglia un abbigliamento comodo (si prega di escludere indumenti poco pratici per il cambio) che consenta al bambino di muoversi in libertà e raggiungere l’autonomia personale.

Tutti i bambini dovranno portare a scuola un cambio completo conforme alla stagione in corso.

Ogni cosa appartenente al bambino deve recare nome e cognome (anche il grembiule ed il giubbetto). La Scuola non risponderà di eventuali indumenti smarriti.

Ogni bambino farà riferimento all’armadietto della propria sezione per riporre il giubbetto.

Ogni venerdì le insegnanti provvederanno a riconsegnare il sacchettino e, secondo le modalità di goni scuola, la biancheria da letto.

Si raccomanda la pulizia personale del bambino e il controllo periodico della cute (prevenzione pediculosi).

All’interno del Nido il bambino utilizza i calzetti antiscivolo. Ogni genitore procurerà un pacco di pannolini e sarà avvisato dalle educatrici quando sono finiti. All’asilo nido “Santa Maria Bertilla” di Rampazzo i pannolini vengono forniti dalla scuola e compresi nel costo della retta mensile.

Sia per il Nido Integrato che per la Scuola dell’Infanzia viene consegnato un elenco di tutto il materiale necessario prima dell’inizio della frequenza.

 

MENSA

La scuola offre il servizio di mensa attenendosi ad un menù proposto e approvato dall’ULSS.

Il cibo viene confezionato fresco nella cucina interna, dove è presente del personale preparato.

Il pasto è uguale per tutti i bambini; solamente per casi particolari, con prescrizione medica, saranno previste diete particolari.

Una volta al mese la Scuola organizza una festa interna per festeggiare i compleanni dei bambini che sono nati nel mese interessato, secondo le modalità comunicate ai genitori ad inizio anno scolastico.

Per questioni di sicurezza e di igiene alimentare non è possibile introdurre alimenti dall’esterno a scuola.

 

MALATTIA

La maggior parte delle malattie che si contraggono nella comunità scolastica sono banali virosi; validi e talora unici strumenti per combatterle sono le misure di igiene (lavaggio delle mani, misure di riduzione della diffusione aerea, ecc.), l’allontanamento ed il riposo a domicilio.

L’evento più frequente è la febbre, ma sono eventi ricorrenti anche la diarrea, il vomito e la congiuntivite, dovuti per lo più a virus con o senza febbre. In queste situazioni è opportuno che il bambino possa rientrare a casa propria ed essere tenuto in osservazione per almeno 24 ore.

Il personale docente comunicherà ai genitori qualsiasi problema sanitario e, nel caso sia necessario, questi ultimi (o chi per loro) provvederanno a riportare a casa il bambino.

L’allontanamento è disposto nelle seguenti condizioni:

  • Febbre con temperatura ascellare eguale o superiore a 38°;
  • Febbricola con temperatura ascellare inferiore a 38° e con segni di malessere tali da impedire la partecipazione alle attività routinarie;
  • Segni o sintomi di possibili malattie importanti: il bambino appare stranamente stanco o presenta pianto persistente o ha una tosse continua, irritabilità non giustificata, o lamenta dolore addominale persistente o presenta altri segni inusuali;
  • Esantemi cutanei febbrili;
  • Eruzioni cutanee generalizzate (per esempio impetigine)
  • Feci acquose e/o vomito: due o più episodi all’ insorgenza improvvisa oppure un solo episodio se è in atto un’epidemia di gastroenterite;
  • Arrossamento oculare con secrezione muco-purulenta giallastra ad insorgenza improvvisa;
  • Lesioni nella bocca (vescicole) due o più con salivazione.

 Quando un bambino rimane assente è necessario avvisare sempre la Scuola; dopo sei giorni di assenza dall’attività scolastica per malattia (escluso sabato, domenica o festivi) il bambino sarà riammesso a scuola previa presentazione del certificato medico (il certificato medico è una forma di tutela verso gli altri bambini). In assenza del certificato medico, le educatrici/insegnanti non sono autorizzate ad accettare il bambino al suo rientro.

E’ inoltre obbligatorio presentare alla Scuola idonea certificazione medica qualora il bambino soffra di particolari allergie alimentari o se eventualmente è soggetto ad altri disturbi di qualsiasi natura.

La Scuola è autorizzata a somministrare farmaci solo in casi specifici (previa autorizzazione pediatrica e dei genitori).

Quando il bambino ha la febbre o comunque presenta sintomi di malattia (es. congiuntivite) le educatrici/insegnanti sono obbligate a contattare i genitori (o chi per essi) e il bambino deve essere riportato a casa.

I bambini ammalati o convalescenti non possono frequentare la Scuola.

Per il rientro dopo malattie infettive, la Scuola si rifà a quanto indicato nel “Manuale per la prevenzione delle malattie infettive nelle comunità infantili e scolastiche“ edito dalla Regione Veneto.

 

TUTELA DELLA PRIVACY

Per tutelare la privacy, tutto il personale della Scuola nonché i Componenti del Comitato di Gestione, sono tenuti a garantire una scrupolosa riservatezza in merito alle notizie relative al/la bambino/a sia all’interno che all’esterno dell’ambiente scolastico.

La Scuola utilizza una lista broadcast su WhatsApp, al fine di dare immediata comunicazione ai Genitori (solo per le scuole di Camisano e S. Maria).

Tale lista broadcast è gestita e regolamentata dalla Scuola.

La Scuola è da ritenersi non responsabile per l’eventuale creazione di ulteriori liste WhatsApp amministrate da terzi.

 

PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO E NON DOCENTE

Il personale docente, educativo e non docente è in possesso dei titoli di studio conformi alla normativa vigente: il rapporto numerico è garantito dall’organizzazione scolastica e la loro formazione professionale è sostenuta da un continuo aggiornamento.

RECLAMI

Eventuali reclami possono pervenire alla Scuola in maniera scritta o verbale tramite i Rappresentanti di Sezione o i Rappresentanti dei Genitori nel Gruppo di Gestione o con le modalità prevista da ogni scuola.

In Allegato (si veda voce iscrizioni e rette)

  1. Rette Mensile Scuola dell’Infanzia
  2. Retta Mensile Asilo Nido
  3. Rette Servizio Posticipo

Il Comitato di Gestione rimane a disposizione per ogni chiarimento.